25 25 after 92

Non è l’anno dell’ultima rivoluzione musicale (quello era il 1991). Però il 1992, in particolare in Italia, è stato forse il più vicino all’idea di Rivoluzione per la nostra generazione lontana dal ’68 e dal ’77. Per l’ultima volta si è potuto pensare ad un cambiamento, per l’ultima volta ho cercato risposte nella politica. E intanto la musica era esplosa, era enorme, era dappertutto.

In una sera di maggio come queste, anch’io cominciai a fare radio, grazie a Cipo e Paolo. Psychocandy era lo spazio che inventammo a Radio Lodi. Ecco il punto: nel 1992 si sono aperti degli spazi, era possibile pensare a dei progetti, credere che si poteva fare. Quella musica ti faceva andare dove volevi, ti sfidava ogni giorno ad essere parte di un cambiamento.
Mi spiace per chi non l’ha visto e per chi non c’era.
Saranno le sere di maggio; sarà che anche Totti si ritira; sarà Chris Cornell che ha deciso di andarsene in quel modo: io a questa musica e a questi anni sarò sempre riconoscente.

Nel 1992 nacque anche Rumore, che divenne subito la mia rivista per tutti gli anni 90. Per questo nel listone non c’è Willy DeVille (che avevo ripescato in un post di qualche anno fa) e tanti altri che all’epoca erano lontani dai miei percorsi. Però Springsteen c’è (dei due album gemelli dimenticati dalla Storia, Lucky town mi piaceva allora e mi piace anche adesso).
Questi 25 potrebbero essere una playlist di quel primo anno di Psychocandy (per chi l’ha sentito e per chi non c’era).

Seven – James
Magic and loss – Lou Reed
Dry – PJ Harvey
Let me come over – Buffalo Tom
Slanted and enchanted – Pavement
Congregation – Afghan Whigs
Honey’s dead – The Jesus and Mary Chain
Nonsuch – XTC
Henry’s dream – Nick Cave and The Bad Seeds
The Southern Harmony and Musical Companion – The Black Crowes
Going blank again – Ride
Italyan, Rum Casusu Cikti – Elio e Le Storie Tese
Lucky Town – Bruce Springsteen
Your Arsenal – Morrissey
It’s a shame about Ray – The Lemonheads
Hit to death in the future head – The Flaming Lips
Sweet oblivion – Screaming Trees
Hollywood Town Hall – The Jayhawks
Homebrew – Neneh Cherry
Bone machine – Tom Waits
Dirty – Sonic Youth
Jehovakill – Julian Cope
Copper blue – Sugar
Automatic for the people – R.E.M.
Paul Weller – Paul Weller

Annunci

30 30 after 86 – The 45 Edition

1986 singles

Visto il piccolo exploit del listone dei 30 album del 1986 (in un solo mese è già il 3° post più cliccato del blog), ho pensato che valesse la pena farne uno anche dei miei 30 singoli di quell’anno mitico.
Con un paio di regole: solo dischi di artisti che non erano già nella prima lista, oppure 45 giri con canzoni inedite sui 33 giri dello stesso anno.
Se già scorrere quegli album uno dopo l’altro accelerava il battito cardiaco, realizzare che nello stesso periodo uscivano anche queste canzoni provoca vertigini e sconvolgimenti esistenziali.
Spero che questa playlist, come sempre personale e parzialissima, possa allietare la vostra estate. E mi scuso se alcuni di questi brani potrebbe averli trasmessi anche il neo direttore di Radio Rai Carlo Conti all’inizio di una carriera che lo ha condotto oggi a sterminare le pochissime trasmissioni decenti rimaste… Sono comunque pochi rispetto alle decine che lui ignorava e per sempre ignorerà, e che noi scoprivamo grazie a quei programmi che rimarranno nella storia della radiofonia italiana: Stereonotte, Stereodrome, Master…

Kiss – Prince
Poguetry in motion – The Pogues
World shut your mouth – Julian Cope
Some Candy talking – The Jesus and Mary Chain
Ballad of the band – Felt
Caravan of love – The Housemartins
Panic – The Smiths
Absolute beginners – David Bowie
Crystal crescent/Velocity girl – Primal Scream
The way it is – Bruce Hornsby and The Range
Hey! Luciani – The Fall
Almost prayed – The Weather Prophets
Have you ever had it blue? – The Style Council
Rise – P.I.L.
Therese – Bodines
Left of center – Suzanne Vega
Tomorrow – Durutti Column
True colors – Cindy Lauper
Don’t let’s start – They Might Be Giants
Boomtown – David & David
Walkin’ with Jesus – Spacemen 3
Walk this way – Run DMC featuring Aerosmith
Against the dollar power – The Gang
Somebody put something in my drink – Ramones
Like an angel – The Mighty Lemon Drops
Word up! – Cameo
Manic monday – Bangles
Always the sun – The Stranglers
Papa don’t preach – Madonna
Running up that hill – Kate Bush

30 30 after 86

1986 (2)

Un’altra di quelle liste necessarie, che ti ossessionano finché non ti metti lì e la butti fuori, in fila per sei e con tanti di quei resti che quasi ti penti di averla fatta…
Questi 30 anni dal 1986 erano troppo tondi per lasciarli passare.
Due giorni dopo la metà esatta di quell’anno, feci l’orale dell’esame di maturità e comprai The Queen is dead.
Uno di quei giorni che dividono l’esistenza in un prima e in un dopo, in mezzo ad un anno straripante di vita e di dischi che l’hanno accompagnata.
Una vacanza-studio a Londra e al ritorno le borse strapiene di LP.
L’inizio dell’università, le prime volte da Buscemi, da Supporti Fonografici…
Tutti gli altri dischi recuperati negli anni a seguire, dopo averli scoperti alla radio e sulle riviste.
Has the world changed, or have I changed?
Tutto è cambiato. Non è cambiato niente.
I’ve got the 21st century breathing down my neck.
E c’è panico nelle strade di Londra, panico nelle strade di Birmingham, I wonder to myself…

The Queen is dead – The Smiths
Lifes rich pageant – R.E.M.
Candy apple grey – Husker Du
Free dirt – Died Pretty
Forever breathes the lonely word – Felt
Talking with the taxman about poetry – Billy Bragg
London 0, Hull 4 – The Housemartins
The big heat – Stan Ridgway
Blood & chocolate – Elvis Costello
Manic pop thrill – That Petrol Emotion
Graceland – Paul Simon
Skylarking – XTC
Neither Washington nor Moscow… – Redskins
The blind leading the naked – Violent Femmes
Kicking against the pricks – Nick Cave & The Bad Seeds
Contenders – Easterhouse
Gone to Earth – David Sylvian
No guru, no method, no teacher – Van Morrison
Lives in the balance – Jackson Browne
So – Peter Gabriel
Giant – The Woodentops
Live 1975-85 – Bruce Springsteen & The E Street Band
Born sandy devotional – The Triffids
Infected – The The
Liberty Belle and The Black Diamond Express – The Go Betweens
Element of light – Robyn Hitchcock and The Egyptian
Heyday – The Church
King of America – Elvis Costello
Guitar Town – Steve Earle
Stutter – James

25 25 after 91

1991

Niente paura: non sto per infilarmi in un altro tunnel infinito, dopo quello del 1989.
Stavolta il giochino inizia e finisce qui.
Perchè non potevo resistere: il 1991 è stato un anno troppo pieno di album fondamentali. Forse l’ultimo anno in cui la musica è veramente cambiata, soprattutto in quegli ultimi pazzeschi 4 mesi…

E quindi, 25 anni dopo, questi sono i miei 25.

Out of time – R.E.M.
Green mind – Dinosaur Jr.
Peggy suicide – Julian Cope
Mama said – Lenny Kravitz
Blue lines – Massive Attack
Don’t get weird on me, babe – Lloyd Cole
King of bongo – Mano Negra
The real Ramona – Throwing Muses
Yerself is steam – Mercury Rev
Don’t try this at home – Billy Bragg
Trompe le monde – Pixies
Life ‘n perspectives of a genuine crossover – Urban Dance Squad
Everclear – American Music Club
Nevermind – Nirvana
Ten – Pearl Jam
Badmotorfinger – Soundgarden
Achtung baby – U2
Screamadelica – Primal Scream
Loveless – My Bloody Valentine
Bandwagonesque – Teenage Fanclub
Raise – Swervedriver
Gish – Smashing Pumpkins
Into the great wide open – Tom Petty & The Heartbreakers
Bed – Five Thirty
Weld – Neil Young & Crazy Horse

25 25 after 89: THE LIST

25x1989

  1. New York – Lou Reed
  2. Spike – Elvis Costello
  3. Oranges and lemons – XTC
  4. Each man kills the things he loves – Gavin Friday
  5. 3 feet high and rising – De La Soul
  6. Playing with fire – Spacemen 3
  7. Street fighting years – Simple Minds
  8. Mosquitos – Stan Ridgway
  9. Full moon fever – Tom Petty
  10. Disintegration – The Cure
  11. Doolittle – Pixies
  12. Workbook – Bob Mould
  13. Big Daddy – John Mellencamp
  14. The Stone Roses – The Stone Roses
  15. Blind man’s zoo – 10.000 Maniacs
  16. Maria McKee – Maria McKee
  17. Mind bomb – The The
  18. Paul’s Boutique – Beastie Boys
  19. Oh mercy – Bob Dylan
  20. Automatic – The Jesus and Mary Chain
  21. Freedom – Neil Young
  22. Primal Scream – Primal Scream
  23. Intolerance – Grant Hart
  24. Hats – The Blue Nile
  25. Let love rule – Lenny Kravitz

Two years in the making, and not very successful… Ma già è stato un successo portare a termine la missione. Se poi a qualcuno è piaciuta, o addirittura è servita a qualcosa, well the pleasure and the privilege is mine. Sicuramente è servita a me e penso continuerà ad essermi utile anche in futuro.

Ci sono anni che non ci lasciano mai, ed il 1989 è sicuramente uno di quelli. C’è stato molto 1989 anche nel 2015, come vedremo nel primo post del 2016.

Intanto, auguri di buon anno nuovo con una pop song dell’89, che però era dell’88. Ma che va ancora benissimo oggi. Should we talk about the government?

45 45s at 45: THE LIST

  1. My Sharona – The Knack
  2. Tunnel of love – Dire Straits
  3. Once in a lifetime – Talking Heads
  4. Start me up – The Rolling Stones
  5. Atlantic City – Bruce Springsteen
  6. Rock the Casbah – The Clash
  7. New frontier – Donald Fagen
  8. My ever changing moods – The Style Council
  9. The killing moon – Echo & The Bunnymen
  10. Pride (in the name of love) – U2
  11. Purple rain – Prince
  12. Lost weekend – Lloyd Cole and The Commotions
  13. Small town – John Mellencamp
  14. Just like honey -The Jesus and Mary Chain
  15. It’s a good thing – That Petrol Emotion
  16. Bigmouth strikes again – The Smiths
  17. Greetings to the new brunette – Billy Bragg
  18. It’s the end of the world as we know it (and I feel fine) – R.E.M.
  19. Could you be the one? – Husker Du
  20. Fisherman’s blues – The Waterboys
  21. Fool’s gold – The Stone Roses
  22. Loaded – Primal Scream
  23. The wagon – Dinosaur Jr.
  24. Unfinished sympathy – Massive Attack
  25. Come as you are – Nirvana
  26. Dress – PJ Harvey
  27. Remedy – The Black Crowes
  28. Slow emotion replay – The The
  29. Cherub rock – Smashing Pumpkins
  30. Gentlemen – Afghan Whigs
  31. Sabotage – Beastie Boys
  32. Live forever – Oasis
  33. Glory box – Portishead
  34. Just when you’re thinkin’ things over – The Charlatans
  35. A design for life – Manic Street Preachers
  36. I will survive – Cake
  37. Bittersweet symphony – The Verve
  38. I am the black gold of the sun – Nuyorican Soul
  39. This is hardcore – Pulp
  40. New York, New York – Ryan Adams
  41. Jesus, etc. – Wilco
  42. Wake up – Arcade Fire
  43. Black and white town – Doves
  44. First day of my life – Bright Eyes
  45. All my friends – LCD Soundsystem

What a long strange trip it’s been…

Another BIG thank you to JC, l’inventore dei 45 45s at 45, che ha pubblicato sul suo blog The Vinyl Villain un post di imbarazzante apprezzamento: http://www.thevinylvillain.blogspot.it/2012/12/45-45s-at-45-italian-style.html

La sua storica lista del 2008 si trova, per le posizioni dalla 11 alla 45 (ordine non cronologico), qui: http://thevinylvillain.blogspot.co.uk/2008/04/45-45s-at-45-number-11.html

…mentre i post delle prime 10 posizioni cominciano qui (e proseguono consecutivamente): http://thevinylvillain.blogspot.co.uk/2008/06/45-45s-at-45-number-10.html

E’ stato bello essere il n.2 di questo gioco… speriamo arrivi presto, da qualche parte nel mondo, il n.3…!

E poi, Merry Christmas… Qui ci vuole una B-side d’epoca.